LA RISONANZA PROSTATICA

LA RISONANZA PROSTATICA MULTIPARAMETRICA IN UROLOGIA.
In un periodo in cui possiamo disporre di esami diagnostici in abbondanza per non ingenerare confusione negli amici che mi seguono, sento la necessità di fare una precisazione.
Ritengo che nella diagnostica urologica la R.M.P. meriti un giusto e preciso spazio come esame di secondo livello dopo l’ecografia prostatica trans rettale quando a seguito di un Psa elevato esiste un sospetto di tumore prostatico.
Questo esame e‘ infatti in grado di individuare la zona malata all’interno della prostata ma non di consentire una diagnosi differenziale tra tessuto tumorale e quello di natura infiammatoria.
Questo reperto è, comunque, significativo perché consente una biopsia mirata eco guidata e non randomizzata che può far scoprire un tumore in stadio precoce.
La diagnosi precoce è un momento essenziale nella lotta al carcinoma prostatico come del resto per tutti i tumori maligni.