Turp o laser prostatico| News | Romano Rago

TURP o laser prostatico?

Turp verso laser prostatico

Ancora oggi il miglior intervento per IPB rimane la TURB; infatti negli USA è quello più impiegato e considerato “il golden standard“.

Il Laser, che l’industria continuamente perfeziona, deve essere considerato una tecnica di nicchia da impiegare solo in casi particolari.

Il suo maggior limite è nella vaporizzazione del tessuto non consentendo l’esecuzione dell’esame istologico importante per scoprire un carcinoma incidentale presente nella prostata anche con PSA normale.

La stessa Holep, nuova tecnica laser, non asporta la porzione periferica della prostata che è la zona dove nasce il tumore prostatico.

Lo scarso sanguinamento in corso di Laser non è motivo valido per sceglierlo perche’ anche nella TURP, eseguita da mani esperte, la perdita ematica è modesta o del tutto assente.

I giorni di ricovero sono sovrapponibili, mediamente tre notti, mentre la guarigione è più veloce nella TURP.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

2 commenti su “TURP o laser prostatico?”

  1. BUONGIORNO DOTT RAGO
    VOLEVO SAPERE SE C è LA POSSIBILITà DI FARE L’INTERVENTO ALLA PROSTATA SENZA ESEGUIRE LA eiaculazione retrograda ?
    ECCO ALCUNI RISULTATI DI ESAMI ESEGUITI A GIUGNO 2019
    EO: XX
    ER: XX
    ECO: XX
    ETA’ XX
    LA ringrazio anticipatamente
    grazie cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *